Attestazioni camerali su dichiarazioni delle imprese di sussistenza cause di forza maggiore per emergenza COVID-19

La Camera di Commercio Italiana in Bulgaria è lieta di informare circa le importanti e recenti novità  introdotte dal Ministero dello Sviluppo Economico con circolare n. 88612 del 25 marzo 2020 e applicate da Unioncamere, volte a facilitare le relazioni commerciali tra le imprese italiane e le loro controparti estere, nell’attuale scenario di emergenza da Covid-19.

In virtù di tali disposizioni, le Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (Unioncamere),  in qualità di enti pubblici presso i quali è tenuto il Registro delle Imprese a cui  sono iscritte obbligatoriamente tutte le imprese che svolgono attività produttive e commerciali in italia, sono state autorizzate a rilasciare alle imprese operanti sul territorio italiano – che hanno relazioni con l’estero – un’attestazione in lingua inglese sullo stato di emergenza in Italia conseguente all’emergenza epidemiologica COVID-19 e sulle restrizioni imposte dalla legge per il contenimento dell’epidemia. 

Si tratta di una dichiarazione sullo stato di emergenza sanitaria, con richiami alla normativa nazionale, che le Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura (Unioncamere) potranno utilizzare, quale documento da rilasciare alle imprese che dovessero avere necessità di rappresentare alle controparti estere impedimenti nell’esecuzione di obblighi contrattuali a causa dello stato emergenziale determinato dalla diffusione del COVID-19

Il testo nasce anche da un’analisi delle soluzioni adottate anche da altre Camere di commercio europee che – sebbene con modalità diverse – hanno affrontato il tema dell’attestazione camerale senza far ricorso ad una esplicita dichiarazione di “causa di forza maggiore” che implicherebbe da parte dei soggetti emittenti un’istruttoria più complessa da valutare caso per caso. Per ottenere tale atto l’impresa italiana dichiara di non aver potuto assolvere nei tempi agli obblighi contrattuali precedentemente assunti per motivi imprevedibili e indipendenti dalla volontà e capacità aziendale.

Modalità di richiesta

Per ottenere l’attestazione è necessario inserire una pratica di “richiesta visti” con Stampa in azienda sul programma CERT’O, allegando i seguenti documenti:

Tempi e modalità di rilascio

Le pratiche vengono evase in 5 giorni lavorativi. In caso di urgenza, il rilascio avviene in 1 giorno.

Appena evasa la pratica, l’azienda richiedente riceve la documentazione direttamente sulla PEC del Registro Imprese, consistente in un file con la firma ed il timbro camerale da stampare sul retro del documento.

Qualora l’azienda desideri ricevere la documentazione su un indirizzo di posta differente (sia essa certificata o meno), dovrà comunicarlo espressamente all’Ufficio competente della CCIAA di circoscrizione territoriale.

In qualità di soggetto parte integrante del sistema camerale italiano, la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, in raccordo con Unioncamere e con la rete delle CCIAA sul territorio italiano, è disponibile ad assistere tutte le imprese richiedenti e favorire, così, il collegamento di una impresa iscritta nel Registro italiano delle Imprese e la Camera Italiana del territorio di iscrizione per l’ottenimento dell’attestazione, chepuò essere rilasciate solo dalle Camere di Commercio Italiane (Unioncamere).

Per maggiori informazioni e per assistenza, si prega di contattare la Direzione della Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, segretariogenerale@camcomit.bg/ info@camcomit.bg, +359 879 209 494.  

2020-04-16T14:30:35+03:00
Questo sito utilizza i cookies anche di terze parti. Cliccando sul bottone "accetta", proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, l’utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi nell'apposita sezione. Accept