I rapporti economico-commerciali tra l’Italia e la Bulgaria nell’attuale contingenza emergenziale al centro di un articolo pubblicato su uno dei maggiori quotidiani economici nazionali, Trud

Nell’ambito delle attività di comunicazione camerali a supporto della promozione del made in Italy e delle relazioni bilaterali in ambito commerciale, industriale, economico, culturale, educativo e formativo, nonché delle collaborazioni attive sul territorio locale, la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria ha ospitato il 18 gennaio 2022 presso i suoi uffici la giornalista Nataliya Malcheva, editore economico di uno dei maggiori quotidiani economico-commerciali a livello nazionale, Trud.

In che modo la pandemia ha influito sulle relazioni economico-commerciali tra Bulgaria e Italia? Quali sono i profili professionali più ricercati dalle aziende italiane in Bulgaria? Quali sono le nuove opportunità che i fondi europei offrono alle aziende in Bulgaria? Quali sono i maggiori vantaggi che il mercato bulgaro offre come meta turistica?” Questi alcuni dei temi trattati nel corso dell’intervista al Vice Segretario Generale della Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, Anselmo Caporossi.

Si riporta, qui di seguito, la traduzione in italiano dell’intervista integrale in lingua bulgara, visionabile anche qui.

Dott. Caporossi, come ha influito la crisi causata dal COVID-19 sui rapporti commerciali italo-bulgari?

C’è ancora interesse da parte delle imprese italiane in Bulgaria, anche se gli investimenti sono sensibilmente diminuiti a causa della crisi. Tuttavia, ogni giorno alla Camera di Commercio Italiana in Bulgaria riceviamo e-mail e chiamate da italiani che cercano informazioni e hanno interesse a sviluppare affari in Bulgaria o collaborare con aziende bulgare.

Quali sono le aree di interesse delle aziende italiane?

Praticamente a tutte le sfere dell’economia. Nell’ultimo mese, l’interesse maggiore è stato in tre o quattro aree principali. Innanzitutto, molte aziende italiane vogliono sviluppare partnership con aziende bulgare in termini di settori specifici, come la produzione di parti per determinate macchine. Questa collaborazione è utile sia per le aziende italiane, che in questo modo possono ridurre i propri costi di produzione, sia per le aziende bulgare che trovano lavoro. Questa è anche la partnership preferita, in quanto è più vantaggiosa per le aziende italiane invece di investire in Bulgaria e costruire un proprio stabilimento. E in secondo luogo, perderebbero molto tempo in procedure burocratiche per avviare un’impresa in Bulgaria. In secondo luogo, c’è un costante interesse da parte delle aziende italiane che cercano distributori dei loro prodotti: cibo, caffè per citarne alcuni. Ci sono grandi marchi di caffè noti e conosciuti in Bulgaria, ma ci sono anche produttori molto più piccoli che non sono conosciuti ma offrono una qualità molto buona e prezzi più bassi. C’è anche interesse ad importare in Bulgaria articoli di abbigliamento, macchine specifiche e attrezzature che non vengono prodotte qui. Molte aziende che offrono integratori alimentari sono interessate anche a venderli in Bulgaria.

E qual è l’interesse ad esportare merci e prodotti in Italia?

C’è un grande interesse per l’esportazione di materie prime in Italia. La richiesta di pellet è estremamente elevata. Negli ultimi mesi c’è stata una grande richiesta di pannelli isolanti, a causa delle leggi approvate in Italia che consentono il rinnovamento di pannelli isolanti di alta qualità e ottengono finanziamenti statali. Sfortunatamente, pochi di quelli offerti sul proprio mercato soddisfano i requisiti e le caratteristiche specificati. Ma c’è interesse. C’è anche interesse ad attrarre lavoro temporaneo in Italia. Per tutti i settori: agricoltura, produzione, servizi, imprese edili. Gli addetti al trasporto su gomma (autisti, ecc.) sono costantemente ricercati. I candidati non sono tenuti a parlare italiano ma è sempre meglio avere almeno una piccola conoscenza della lingua italiana.

Che sostegno fornisce la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria alle aziende in cerca di assistenza?

Li colleghiamo principalmente con aziende dello stesso settore in Bulgaria e stabiliamo un collegamento in modo che possano collaborare, nel caso in cui raggiungano un accordo tra loro. Non stiamo lavorando in una sola direzione. C’è anche interesse da parte delle aziende italiane a trovare partner per candidarsi congiuntamente ai programmi europei, per i quali si candidano direttamente alla Commissione Europea. Nel 2021 è iniziato un nuovo periodo di programmazione, con nuove opportunità e nuove regole. In loro, la partnership internazionale è molto importante. Durante il precedente periodo di programmazione, molte aziende, istituzioni e organizzazioni non governative della Bulgaria sono riuscite a difendere e attuare progetti simili ea ricevere finanziamenti adeguati. Molte delle partnership hanno avuto molto successo ed è per questo che le aziende e le organizzazioni bulgare stanno nuovamente cercando dall’estero. Prendiamo contatti con partner bulgari e stranieri. La nostra forza è che possiamo trovare tali partner per i finanziamenti dell’UE non solo in Italia ma in tutto il mondo, in quanto facciamo parte di una rete internazionale che conta 81 Camere di Commercio Italiane all’Estero in 58 Paesi con cui collaboriamo già da anni su varie linee di attività. Quindi l’anno scorso siamo riusciti ad aiutare un’azienda bulgara che voleva collaborare con due aziende europee su un progetto europeo, quindi abbiamo aiutato con un’azienda sia italiana che tedesca.

Per quali progetti possono candidarsi le aziende bulgare?

In tutte le aree. Attualmente, due argomenti principali sono rilevanti: innovazione IT e sviluppo delle risorse umane. Ma anche nel campo della cultura, del turismo, delle nuove tecnologie, della digitalizzazione. Come Commercio di Commercio, monitoriamo costantemente gli inviti provenienti da vari programmi europei e forniamo queste informazioni ai nostri membri, che sono aziende sia italiane che bulgare. Attualmente, a causa della pandemia, che ha impattato sugli affari non solo in Bulgaria ma anche in tutto il mondo, le misure restrittive sono diverse ogni settimana, in continua evoluzione. Ecco perché molte persone, molte aziende trovano difficile far fronte e adattarsi alla situazione. Quindi la pandemia ha chiarito quali siano le debolezze del nostro sistema. Tutti cercano di far fronte all’introduzione di nuovi prodotti, nuove attività, innovazioni, per aiutare le imprese e le persone. Ma questi cambiamenti e adattamenti non sono facili. L’investimento e l’attenzione dell’UE per lo sviluppo delle risorse umane significano in realtà concentrarsi su campagne di formazione, tutoraggio, formazione e informazione. E sono molto importanti perché le persone hanno bisogno di saperne di più su diversi argomenti, sulla gestione del rischio e dei conflitti, per consentire loro di affrontare situazioni che prima della pandemia erano sconosciute, ma che ora esistono. Il sistema che conosciamo è molto vecchio e non funzionerà per molto tempo.

Le aziende devono capire che non possono semplicemente licenziare e sostituire i propri dipendenti tutto il tempo. Perché alla fine pagheranno il conto. Ad esempio, se le aziende hanno un dipendente che ha difficoltà ad adattarsi alle nuove condizioni, è più facile per loro separarsi e cercarne uno nuovo. Ma sarebbe un grosso errore. Perché forse il tuo dipendente ha molta esperienza e non c’è bisogno che qualcuno gli stia accanto e gli spieghi passo dopo passo cosa fare. O forse è il volto dell’azienda per i clienti perché lo sanno. E ogni persona nuova deve imparare, commettere errori. Potrebbe essere meglio, ma secondo le statistiche risulta che nella separazione dei dipendenti a lungo termine nel 78 per cento dei casi il risultato sono problemi per l’azienda. E si perdono almeno 3 mesi per adattare la squadra, durante i quali è necessario molto più sforzo per fare lo stesso lavoro di prima.

Quindi lo sviluppo delle risorse umane è estremamente importante. In molti paesi, le persone pensano di sapere tutto e di non aver bisogno di ulteriore formazione. Tuttavia, se sanno così tanto, perché i loro paesi non sono tra i leader economici? In Bulgaria, ad esempio, tutti affermano di capire il calcio e di avere un’opinione. E siccome sono italiano e sono un uomo, automaticamente decidono che anche io sono interessato all’argomento. Non è così. Ma con così tanti esperti di calcio in Bulgaria, posso solo chiedere loro quanti mondiali di calcio hai? Allora, di cosa stiamo parlando? Questa non è una cattiva valutazione, ma un dato di fatto. È lo stesso con le risorse umane. I paesi e le organizzazioni che investono nello sviluppo delle risorse umane hanno poi grandi risultati non solo sul proprio mercato nazionale, ma anche internazionale. La Bulgaria ha un grande potenziale come prodotto. Sfortunatamente, ci sono molti di questi prodotti, ma non conosci il tuo paese, la tua storia, la tua cultura e la tua forza. Questo è il problema.

Qual è la forza dei bulgari secondo un italiano?

Hai prodotti alimentari di altissima qualità e prodotti interessanti che possono essere esportati. C’è un buon vino bulgaro, buone varietà locali. Ad esempio, amo molto il Mavrud, un vero vino bulgaro. Ma difficilmente competerai in questo settore con la Francia o l’Italia. Ma per esempio puoi esportare lutenitsa, kyopolo, tipici dei prodotti bulgari. Anche il turismo può essere la tua forza. Ma per favore smettila con questo stupido e ridicolo turismo alcolico in mare che non ti porta nulla. In effetti, hai sviluppato il turismo invernale. Tuttavia, hai un grande potenziale per un turismo specifico che non sviluppi affatto: turismo culturale, storico e spirituale. La Bulgaria è la terra dove è nata la prima civiltà in tutta Europa: la civiltà Tracia. Hai molti posti interessanti, luoghi spirituali. Pertanto, puoi sviluppare il turismo spirituale, che attualmente si sta sviluppando in modo estremamente rapido ed è tra le tendenze moderne. Il turismo spirituale è associato al turismo culturale, storico, religioso e mistico. Parte di esso, ad esempio, potrebbe essere l’evento dei seguaci di Peter Deunov sui 7 laghi di Rila. L’ho visitato e poi ho incontrato persone da tutto il mondo: Brasile, Stati Uniti, Australia, Messico, Nuova Zelanda, Giappone. E questo evento turistico si sta sviluppando solo senza l’aiuto dello stato. Devi capire qual è la tua forza. Hai molte cose di cui essere orgoglioso e che rendono la Bulgaria molto famosa.

Se tu fossi il ministro del Turismo della Bulgaria, con quali 5 siti principali pubblicizzeresti il ​​turismo bulgaro?

Non sarebbero 5 o anche 50, ma probabilmente 500. Ad esempio, puoi pubblicizzare la “Via Tracia” o le antiche strade romane, che si vedono ancora oggi, ponti di centinaia di anni. Ma questo richiede infrastrutture, segnaletica, segnaletica, pubblicità. Il Monastero di Zemen, ad esempio, può essere un biglietto da visita della Bulgaria. La sua storia è collegata con i Traci, con i Bogomili, con molti periodi della vostra storia. Ci sono posti estremamente interessanti a Strandzha. Zlatograd attirerebbe anche turisti. Nicopolis ad Istrum è una città romana molto interessante. I Rodopi hanno tutto: natura, cultura, storia, Traci.

La Bulgaria ora ha una grande opportunità per cambiare molte cose. Ma perché ciò avvenga, prima di tutto, la mentalità e la cultura dei bulgari devono cambiare, il modo in cui pensano e vivono. Un paese civile non può avere solo persone molto ricche e altri che si trovano all’altro estremo e sopravvivono a malapena. Vivo qui e vedo che i pensionati bulgari non vivono molto bene. Se c’è chi vive bene è perché ha parenti stretti che si prendono cura di loro. Quando vado al negozio vedo cosa comprano. E in un paese europeo, tutti devono vivere normalmente e bene, e ovviamente ci sono persone intraprendenti che guadagnano di più. Ci deve essere una classe media più ampia. La mentalità non cambia in un anno o due. Occorrono sforzi, istruzione, sviluppo delle risorse umane. I corsi di formazione dovrebbero essere più connessi con la pratica, per condividere l’esperienza di persone che hanno successo o sono riuscite a superare situazioni difficili. Le persone in tutto il mondo hanno bisogno di motivazione. E se ne hanno uno, le cose cambiano. Ecco perché la Camera di commercio Italiana in Bulgaria quest’anno organizzerà un’Accademia per lo sviluppo reale, che coopererà con organizzazioni bulgare e italiane di successo come università e centri di formazione. Proporrà varie misure per lo sviluppo delle risorse umane. E il prodotto sarà modellato ogni volta in base alle esigenze di aziende e organizzazioni disposte a mettersi in gioco. Ciò svilupperà ulteriormente i rapporti commerciali tra la Bulgaria e l’Italia.

2022-01-27T10:21:39+02:00
Questo sito utilizza i cookies anche di terze parti. Cliccando sul bottone "accetta", proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, l’utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi nell'apposita sezione. Accept